I Top 5 di Pitti Uomo 2017

L’Italia sa ancora parlare moda e Pitti Uomo ne è la conferma. La fortezza da Basso che ospita la manifestazione rappresenta la tradizione italiana, la città di Firenze, dove il Made in Italy è nato negli anni Cinquanta a Palazzo Pitti.
Oggi questa manifestazione si presenta uno strumento globale, internazionale per farsi conoscere, intraprendere nuovi rapporti commerciali con parti del mondo, cosa che fino a poco tempo fa era difficile da immaginare.

Potendo partecipare all’edizione di quest’anno ho deciso di fare una top 5 dei migliori marchi/prodotti scoperti tra i centinaia di espositori presenti da tutto il mondo analizzando di persona la qualità dei materiali, il design del prodotto, colori e dettagli estetici.
Buona lettura.

 

 

ELVINE

Dopo aver mostrato il lato metropolitan di tante città del mondo attraverso le sue creazioni, quest’anno Elvine torna a casa, a Gothenburg. È proprio qui che il designer Daniel Mänd è cresciuto negli anni Settanta e Ottanta.
Le sue realizzazioni raccontano un mondo minimal, con un occhio agli anni Settanta e allo stesso tempo agli anni Novanta dall’animo skate. A Pitti Uomo mi sono piaciuti un giubbotto e una felpa scoperti per caso curiosando nella sua area espositiva (foto qui sotto). Presentano una linea semplice, dal tessuto piacevole e dal tatto di qualità. Mänd conosce bene le temperature del Nord Europa e i suoi abiti sono funzionali ma allo stesso tempo dal design attraente, soffici e resistenti all’acqua e al vento.
Quello che vuole fare Mänd è un tributo alla sua città, alle sue origini, perché infondo forse non esiste futuro se ci dimentichiamo del nostro passato.
Link al sito del designer qui.

 

Schermata 2017-01-20 a 17.43.24
Schermata 2017-01-20 a 17.43.04

 

 

PAOLO PECORA

La collaborazione tra Allison Katz (artista canadese che vive e lavora a Londra), Paolo Pecora e House of Voltaire nasce spontaneamente da una curiosità da parte dell’artista di indagare l’industria della moda. Il motivo floreale al centro del dipinto intitolato “DNA”, 2014 è l’opera da cui derivano le illustrazioni utilizzate per le tre varianti di maglioni (qui sotto in foto ne mostro due) messi in mostra quest’anno a Pitti Uomo. L’ispirazione arriva da una casuale scoperta fatta in un negozio di porcellane a New York, per via di un motivo floreale dipinto su un piatto del XVIII secolo di manifattura inglese che ha particolarmente colpito l’artista. Nell’immaginario di Katz il progetto rappresenta lo sviluppo e l’attivazione dei sensi, oltre che una possibilità di avvicinare l’essere umano alla Natura.
Attivo dal 2005, l’azienda milanese P.P. è diventata in pochi anni non solo sinonimo di dettaglio e qualità del prodotto, ma un marchio che rappresenta innovazione in continua crescita rappresentato dal suo stesso designer, Paolo Pecora. Visita il sito del designer qui.

 


 

ALBERTO GUARDIANI

Alberto Guardiani è un marchio Made in Italy fondato nel 1947 a Montegranaro (Fermo). Innovazione, eccellenza artigiana, l’uomo Guardiani visto a Pitti quest’anno è un gentleman con esigenze sempre più pratiche con a disposizione linee classiche ma anche casual. La collezione di scarpe presentata quest’anno a Pitti sono il giusto equilibrio tra fashion, comodità ed eleganza allo stesso tempo. In vitello effetto delavato o laminato, con l’aggiunta di altri pellami texturizzati sono solo alcuni elementi che segnano la nuova collezione. Ho scelto il modello Clayton e Benson, rispettivamente caratterizzati dalla vernice marmorizzata e l’elemento catena metallica decor, che rendono queste calzature un must have per l’uomo di oggi (in foto qui sotto). Link ad Alberto Guardiani qui.

 

 

IZIPIZI

Letto al contrario il nome sarà sempre lo stesso. Il marchio Izipizi arriva da Parigi. L’azienda nasce nel 2010 con il nome See Concept offrendo occhiali da vista, da sole, per bambini. Quest’anno cambia nome e diventa IZIPIZI.
Montatura e lavorazione del dettaglio di qualità a un prezzo semplicemente imbattibile (fascia di prezzo tra i 30 e i 60 Euro). Ottimi come idea regalo, perfetti come occhiali di design da mettere a lavoro o da indossare come oggetto di stile nelle uscite con gli amici. Il sito è nuovo, multilingua e offre la spedizione gratuita con l’acquisto di tre paia di occhiali. Il sito è visitabile qui.

 

 

 

ESTELITA MENDONCA

La sorpresa prima di lasciare Pitti. Estellita è un designer portoghese che debutta nel 2010 all’interno del progetto Bloom a Portugal Fashion. Con le sue creazioni riesce a fare una lettura e una sua interpretazione dei fatti del mondo, dei temi sociali con l’aggiunta di preziosi dettagli grafici. L’uomo di Estelita è il ragazzo di oggi che si pone domande sul mondo che viviamo, liberandosi delle classiche convenzioni decostruendo l’abito per poi farlo rinascere. Qui sotto due creazioni che ho visto a Pitti che mi hanno colpito.