COVER OF THE WEEK: Mollono.Bass & Friends – Part 1

Musica composta da amicizia, energia ed emozioni. E’ un viaggio ipnotico, un nuovo modo per scoprire la musica senza barriere. Abbiamo scelto la mano di “Mollono.Bass & Friends – Part 1” come Cover della settimana, il nuovo EP uscito su 3000GRAD, la label tedesca. Leggete sotto le risposte ad alcune domande fatte a Mollono.bass.

English version below

 

Cosa possiamo vedere nella cover del tuo EP? Chi è il designer?

L’oggetto della copertina è abbastanza deduttivo: una mano. La connotazione è che la musica “è fatto a mano”, perché tutto quello che faccio è frutto del mischiare e creare cose con le mie mani. Questo è il motivo per cui c’è una mano nella cover. Le facce disegnate sono simboliche e rappresentano tutti gli amici che hanno lavorato con me a questo progetto e infine l’immagine con questo stile un po’ rude è stato scelto in opposizione alle copertine commerciali e superficiali caratterizzate dalla copertina lucida. La cover è stata creata da Commander Love aka Henry Dieckmann, un buon amico e collega di Kombinat100. E’ una cover che rappresenta amicizia, cose create a mano e creatività.

 

Puoi descrivere la musica del tuo EP in poche parole? Ascoltandolo è chiaro il tuo amore per gli archi..

Diversità, profondità, energia, emozione, astrattezza… Penso che il modo migliore per descriverla sia mettere in contrasto queste parole tra di loro. Ho infatti provato a combinare la varietà con la monotonia, che può suonare contraddittorio ma che alla fine è il rapporto che compone la mia musica. Le canzoni che creo dovrebbero essere un viaggio, un viaggio che i miei ascoltatori fanno, percorrendo diversi scenari e sfondi musicali, dove la diversità è molto importante per me.

Da un lato c’è il “Desiderio” che è ricca di emozione e rasserenante. In opposizione a questo c’è “Shadowplay” che suona ipnotica e completamente diversa. Poi c’è “Children Of The Night” che si sviluppa con un suono puro consecutivo. Si tratta solo di liberare la musica dai clichès e dalle restrizioni. Connettere suoni diversi e generi è esattamente la cosa che mi piace fare ed è il fattore che penso rappresenti la mia musica.

 

Qual è la location ideale per ascoltare il tuo nuovo EP?

E’ difficile pensare a un’unica location adatta all’intero EP perché ogni canzone funziona in un contesto differente. “Desire” è una canzone che andrebbe ascoltata all’esterno, forse alla mattina presto o al calare del sole durante un party. “Children Of The Night” è più adatta a una location club con un’atmosfera tiepida, uno fatto di muratura per esempio. “Shadowplay” farebbe il suo effetto nella notte, in spiaggia con amici e focolari.

 

 

 

English version

The music composed by friendiship, energy and emotions. It’s an hypnotic journey, a new way to discover different music with no restrictions.
We choose it as Cover of the Week the hand of “Mollono.Bass & Friends – Part 1”, the new EP on 3000GRAD, the german label. Read below some replies of our questions to Mollono.bass.

 

What can we see on your cover art? Who is the designer?

It’s kind of obvious… it’s a hand. The connotation here is “everything is handmade”, because everything I do comes with puzzling and making things with my own hands. That is what the hand on my cover stands for. The self-painted faces are symbolic for all the friends working on the project with me and the rough style of the whole image is supposed to be a counterdraft to the commercial and superficial high gloss covers. It is designed and conceptualized by Commander Love alias Henry Dieckmann, a good friend and colleague of Kombinat100.

 

 Can you describe the music of your EP in few words? It’s clear your love for the arches

Diversity, profundity, energy, emotion, abstraction… it is described best with lots of words having a contrast within them. For instance, I try to combine variety with monotony, which sounds contradictory at first but which composes my sound in the end. The songs I’m making are supposed to be a journey, a journey that I take my listeners on, through different sceneries and soundscapes, whereby diversity is very important for me.

On the one hand there is “Desire”, which is emotional and peaceful. Opposed to this there is “Shadowplay” which sounds hypnotic and completely different. Then there is “Children Of The Night” which goes towards a puristic and consequent sound. It’s all about liberated music without clichés and restrictions. To connect different sounds and genres is exactly what I enjoy and what represents my music, in my opinion.

 

What is the best location to listen to your new EP?

It’s difficult to find a location for the entire EP because every song works in another context. “Desire” is a song which works best outdoors, perhaps in the early morning hours or at dusk at a party. “Children Of The Night” is more for the club and the dancefloor, a lukewarm, dirty club masonry for  example. “Shadowplay” takes full effect in the night, at the beach with friends and a campfire.