GRAND BROTHERS: Scoprirsi

We like the live set: it’s the best way to understand better who we have in front of us. During a live set you can know better the artist, the person behind the musician role. We have talked with two guys from Germany who, with a grand piano and a laptop, offer you a ticket for a musical journey called: “Emotion”.
Grandbrothers for Musicbaum. Please have a listen to the Soundcloud link below: they are amazing.

 

Hi guys. A grand piano and a laptop: a different way to live music. When did you meet each other for the first time?

We met each other about six years ago, when we both began studying in Duesseldorf, Germany. We have been friends ever since, spending some private time together, going out etc… The whole ‘grandbrothers’-thing then developed about two years ago when we sat together and decided to make music.

 

For Erol: when did you start to play the piano? Who are your favourite piano artists?

I started playing when I was six, mostly classical music then. I decided to stop when I was 13, when puberty hit me and playing the piano wasn’t cool anymore and I started taking lessons again when I was about 18 or 19. I listened to a lot of Jazz at that time and I wanted to get into that.
It’s mostly Jazz Greats like Erroll Garner, Bill Evans, Oscar Peterson, Monk, McCoy Tyner… My teachers taught me a lot about their different styles and where they came from. As far as composers go, the french always had me – Chopin, Satie, Debussy, Ravel, Saint-Saëns…

 

Please tell us in what way you release music: do you start with the grand piano or do you work with the laptop first?

Usually we sit together and try different things, using the laptop and the piano simultaneously. I (Erol) start off with some patterns or riffs and Lukas processes them at the Laptop and adds patterns with those little hammers we built. If we like it, we hang on those ideas and develop them to something bigger.

 

What are the artists that you follow today and you would like to work together?

There’s lots of really great artists out there at the moment that combine different genres and styles. Nils Frahm, Swod, Olafur Arnalds, Bonobo, The Cinematic Orchestra, Bibio – too much to list!

 

What is your favorite location to perform? A club or a stage as a theatre?

The ideal thing would be playing a concert hall in the evening and afterwards heading to the club and making the people dance. That would also describe our musical range pretty well – we want to make experimental, ambient-ish, classical influenced music as well as some heavy club tunes with lots of bass.

 

What is the last movie you saw and you would like to work on the soundtrack?

At the moment we’re working on a project that will be held in June, where we are writing music for different scenes from Science-Fiction films. Can’t go much into detail yet – but yeah, the whole score thing is totally something. Last movie we’ve seen together… must have been years back… I can’t remember :)

 

 

 

Italian Version

Ci piace il live set: è uno degli strumenti migliori per capire chi abbiamo davanti. Durante un live set puoi conoscere meglio l’artista, la persona dietro il ruolo da musicista. Abbiamo parlato con due ragazzi provenienti dalla Germania che , con un pianoforte e un portatile, vi offrono un biglietto per un viaggio musicale chiamato: “Emozione”.
Grandbrothers per Musicbaum. Date un ascolto al link Soundcloud qui sopra: sono fenomenali.

 

Ciao ragazzi. Un pianoforte e un computer: un modo certamente diverso per vivere la musica. Quando vi siete incontrati per la prima volta?

Ci siamo incontrati per la prima volta circa sei anni fa, quando tutti e due abbiamo iniziato a studiare a Dusseldorf. Siamo diventati amici passando del tempo insieme, uscendo, ecc. Il concetto “Grandbrothers” pero’ si è sviluppato circa due anni fa quando ci siamo seduti uno di fronte all’altro e abbiamo deciso di fare musica.

 

(Per Erol) La passione per il piano: quando hai iniziato a suonarlo? Chi sono i tuoi artisti preferiti in assoluto?

Ho iniziato a prendere confidenza con lo strumento quando avevo sei anni approfondendo il campo della musica classica. Ho smesso poi a tredici anni quando il pianoforte non mi affascinava più come prima. Poi l’ho ripreso all’età di 18, 19 anni. Ho ascoltato molto jazz in quel periodo e ho voluto immergermi in quel genere.

Ho ascoltato soprattutto i grandi del Jazz come Erroll Garner, Bill Evans, Oscar Peterson, Monk, McCoy Tyner. I miei insegnanti mi hanno insegnato molto riguardo i loro diversi stili e come si sono formati. Tra i compositori ne direi alcuni francesi come Chopin, Satie, Debussy, Ravel, Saint-Saëns…

 

Raccontateci un po’ come organizzate la vostra produzione musicale: iniziate dal pianoforte oppure dal pc?

Di solito ci sediamo e proviamo cose diverse utilizzando il piano e il computer in modo simultaneo. Inizio io (Erol) con alcuni accordi o melodie seguito da Lukas che li sviluppa al pc e ci aggiunge altri effetti battuti. Se ci piace sviluppiamo l’idea ingrandendola.

 

Chi sono gli artisti che seguite in questo periodo con i quali vi piacerebbe collaborare?

Ce ne sono molti che combinano diversi generi e stili. Nils Frahm, Swod, Olafur Arnalds, Bonobo, The Cineatic Orchestra, Bibio, troppi da elencarli tutti!

 

Qual è la vostra location ideale dove esibirvi? Un club, un palco o un teatro?

La cosa ideale sarebbe suonare in una sala concerti alla sera e poi andare in un club e far ballare la gente. Questo percorso descrive molto bene la nostra linea musicale: ci piace sperimentare, sviluppare l’ambient, con influenze di musica classica ma anche con alcune tonalità forti da club e molti bassi.

 

Qual è l’ultimo film che avete visto e per il quale vi sarebbe piaciuto lavorare alla colonna sonora?

Al momento stiamo lavorando a un progetto per Giugno: musica per scene di film Science-Fiction. Non possiamo andare molto nel dettaglio. L’ultimo film che abbiamo visto insieme: devono essere stati molti anni fa: non ricordo :)