COVER OF THE WEEK: “Frivolous – Lost and Forgotten”

Not only music: we like History so much and we are in high spirits when we can speak about it through our passion for music. We sent Frivolous some questions about his new album and its cover art.
Even if his music is not part of our musical choices we spoke with him about the Cold War, the  Fall of the Soviet Union and Scott Heron, musician from United States well known for his poems with arrangements.

 


Hi Daniel, your cover is quite curious: what can you tell us about it? Who is it to the right?

Hey! The guy to the right is Gil Scott Heron. The designer and I were both collaborating on collecting nostalgic images that capture our memories as youths. Gil Scott Heron was the “Revolution will not be televised guy”, a kind of beat-poet from the 80’s.

 

Why did you insert an explosion on the background? Could it be the effect of your new album “Lost and Forgotten”?

HA ha! No, that wasn’t the meaning at all. It was actually just us remembering some of the hot-button issues in the world at the time. The scare around nuclear armament, and the cold war was a hot issue. I remember the fall of the soviet union too as I was cranking the big old channel changer on the face of our super awesome new colour TV. My mom was like “Daniel, you have to watch this! It’s really important!” I was just trying to see if Ninja Turtles was on.

 

We can see a gameboy also: what do you remember about you when you were teenager? did you play with it? How is changed the way to have fun in the teen generation? Is it music still important ?

Well, Gameboy shipped with Tetris and Super Mario World if I remember correctly. Both were great games, and the music in Tetris is still totally classic. I loved that thing for sure! The backlit monocrome screen was great! There is even a track on the album that is a fictional video game sound-track. So with all these old pieces of music that would have otherwise never been released, the collage of our memories that are slowly fading into oblivion really fits the concept for Lost & Forgotten.

 

1375264_586369124742926_277603643_n

 

Italian Version

Non solo musica. Ci piace molto la Storia e andiamo su di giri quando possiamo raccontarla attraverso la musica. Abbiamo fatto alcune domande a Frivolous riguardo la cover del suo album: anche se la musica non rientra totalmente nelle nostre linee musicali abbiamo parlato della sua cover toccando la Guerra Fredda, la caduta dell’Unione Sovietica e di Scott Heron, musicista proveniente dagli Stati Uniti conosciuto per le sue poesie con base musicale.

 

Ciao Daniel, ci ha incuriosito molto la tua cover: cosa ci puoi raccontare degli elementi presenti all’interno di essa? Chi è la persona sulla destra?

Ciao! Quello sulla destra è Gil Scott Heron. Io e il designer abbiamo lavorato assieme per riportare alla memoria immagini che ricordavano la nostra giovinezza e Gil Scott Heron è stato “Revolution will not be televised guy” [ndr: la sua poesia/canzone più conosciuta], una specie di poeta beat degli anni Ottanta.

 

L’esplosione nello sfondo: potrebbe essere l’effetto che vuoi ricreare con il nuovo album “Lost and Forgotten”?

Ha ha! non era questa la mia intenzione. Essa ricorda soltanto uno dei piu’ grossi problemi al mondo da sempre: la paura riguardo gli armamenti nucleari e la Guerra Fredda. Sono da sempre motivo di preoccupazione per tutti. Ricordo la caduta dell’Unione Sovietica. Stavo gioccherellendo con il grande vecchio telecomando per la TV di fronte a una fantastica TV nuova a colori. Mia mamma d’improvviso mi dice “Daniel, devi guardare questo! E’ veramente importante”. Ma io a quell’età volevo vedere solo le Tartarughe Ninja.

 

Possiamo notare anche un Gameboy: che ricordi hai di questo oggetto pensando alla tua giovinezza? Ci hai giocato? Com’è cambiato il modo di divertirsi tra i ragazzi? La musica è ancora importante?

Se avevi un Gameboy all’epoca avevi anche Tetris e Super Mario World se ricordo bene. Entrambi erano giochi bellissimi e la musica di Tetris era veramente prevedibile, caratteristica che mi piaceva! Come anche lo schermo monocolore. C’è tra l’altro una traccia nell’album che si rifà quasi a una colonna sonora per video game. Così, alla fine, con questi vecchi pezzi di storia della musica che non sarebbero mai stati realizzati, è stato un collage dei nostri ricordi che stanno lentamente finendo nel dimenticatoio. Questo è “Lost & Forgotten”.